ANCORA UNA VOLTA LE PREVISIONI DICONO NEGATIVO… questa è la sorpresa pasquale!DEFINITA LA DATA DI RECUPERO ALL’8 GIUGNO

In primo piano

SIAMO IN ATTESA DI VISUALIZZARE LE PREVISIONI DEFINITIVE PER SABATO 19  CONSULTANDOCI CON TUTTI I CENTRI METEO POSSIBILI ED IN GIORNATA SCIOGLIEREMO DEFINITIVAMENTE LA PROGNOSI SE EFFETTUARE L’APERTURA DEL CONTROGIRO O RINVIARLA AD ALTRA DATA.

AL DI LA’ DI QUELLO CHE SI PUO’ PENSARE, NON E’ LA GARA DI UN GIORNO CHE NASCE E FINISCE CON FINE A SE STESSA, SI STA PARLANDO DI UN CHALLANGE E QUINDI ANDREMO AD ASSUMERE DECISIONI CHE NON ABBIANO AD ESSERE IN CONTRASTO CON LE CLASSIFICHE FINALI.

NEL POMERIGGIO LA DEFINIZIONE, ABBIATE PAZIENZA,  LA DECISIONE SARA’ COMUNICATA ANCHE SU CICLISMO ALTO MILANESE E CICLISMO NOVARA OLTRE AGLI AVVISI AGLI ORGANI PREPOSTI E AL PERSONALE DI SERVIZIO.

Cosi scrivevamo ieri, purtroppo ns. e Vs.malgrado, siamo costretti a rinviare la manifestazione causa condizioni meteo che potrebbero mettere a rischio la sicurezza degli atleti e innanzitutto anche la permanenza sotto la pioggia  di tutto il personale destinato al servizio,  da 9 scorte tecniche (lasciando perdere le auto che sono al riparo) e 22 unità disposte nei crocevia sulla percorrenza di 22 KM.

Come ribabito a priori, l’annullamento a prescindere in assoluto dalla sicurezza, rischierebbe di alterare l’evoluzione di classifica trattandosi di gara assogettata a Challange e di conseguenza su più prove a prescinedere dai punti di classifica , anche dall’assegnazione del punteggio presenza sia nella classifica individuale che societaria.

Nessun dramma, la manifestazione a grandi linee, sarà riproposta in una domenica e con ogni probabilità l’8 giugno di mattino (da confermare),  ci sono tutte le premesse per dare seguito a quanto calendarizzato.

Quest’anno vista la concretezza e sinergia collaborativa ci sono tutte le premesse per la continuità, cosa che è mancata nello scorso anno dopo le varie vicende che hanno fatto maturare la decisione sia di carattere personale e di tanto altro.

Confidiamo che passata questa fase pazza di primavera si possa riprendere con tutta tranquillità il 17 maggio a Momo.

A tutti i migliori auguri di Buona Pasqua unitamente alle famiglie ed un arrivederci a presto.

ASD Agrate Conturbia

IL NUOVO REGOLAMENTO DELLA SECONDA SERIE OMOLOGATO DALLA CONSULTA REGIONALE PIEMONTESE

In primo piano

La sorpresa pasquale dopo anni di tribolazioni sulla Seconda Serie,  decreta la fine delle dimenticanze di segnature o gestioni poco trasparenti che inducevano alle continue rimostranze degli atleti.

Infatti da ora in poi,  al di là della segnatura del tesserino in caso di vittorie, tutte le classifiche saranno gestite con un data base di singolo atleta nelle posizioni inerenti al regolamento e il cooordinamento regionale sulla base dei dati certificati,  determinerà il passaggio alla Serie superiore, con comunicazione diretta al Comitato ed Ente di appartenenza.

Ricordiamo che la sottoscrizione di questo regolamento è avvenuto con la perfetta sinergia collaborativa tra gli Enti che la praticano ovvero: Acsi, Asc, Libertas, Csain e Uisp dopo varie riunioni in cui sono stati approfondite ed esaminate tutte le posizioni che si potrebbero riscontrare in senno alle varie modalità di gara.

In attesa che questa iniziativa si sposi anche nella vicina Lombardia, sul ns. data base appariranno anche gli atleti extra regionali partecipi alle manifestazioni piemontesi,  dove il regolamento sarà applicativo anche per loro nel prosieguo partecipativo alle gare piemontesi.

CONSULTA REGIONE PIEMONTE – 2ªSERIE

 CONSULTA REGIONE PIEMONTE

REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI STRADA 2ª SERIE

 

1)      Le manifestazioni di 2ª Serie nascono al fine di consentire a più amatori di ottenere delle buone soddisfazioni sportive, che per motivate ragioni non riescono a raggiungere nella serie superiore (1ª Serie).

 

2)      Le gare di 2ª Serie sono aperte ai tesserati degli Enti di Promozione Sportiva che praticano la 2ª Serie, che hanno in organigramma un’apposita Commissione e che aderiscono alla Consulta Territoriale.

 

3)      La 2ª Serie è istituita unicamente per le gare su strada, in linea e/o a circuito, e non vengono presi in considerazione i risultati di altre specialità

 

4)      L’appartenenza alla 2ª Serie è facoltativa e chi desidera farne parte deve inoltrare domanda alla propria Sezione Provinciale tramite l’ASD di appartenenza.

 

5)      Il timbro di 2ª Serie dovrà essere apposto sulla tessera rilasciata dal proprio Ente di appartenenza, se la tessera non riporta alcuna indicazione il titolare è considerato di 1ª Serie.

 

6)      Potranno far parte della 2ª Serie tutti i Cicloamatori che nell’anno precedente non abbiamo ottenuto i risultati descritti al punto 7 e/o non abbiano conseguito Titoli  Regionali o Nazionali

 

7)      Condizioni per il passaggio dalla 2ª Serie alla 1ª Serie in corso d’anno:

a)      Vittoria assoluta in una gara di 1ª Serie

b)      2 vittorie assolute in gare di 2ª Serie

c)      Vittoria assoluta in una gara di 2ª Serie + 2 piazzamenti in 1ª Serie nei primi 3 classificati

d)     Vittoria assoluta in 2ª serie + 4 piazzamenti in 2ª Serie nei primi 3 classificati

e)      7 piazzamenti nei primi 5 assoluti di ogni gara di qualsiasi serie

 

8)      Per la categoria Veterani la vittoria di categoria viene equiparata alla vittoria assoluta se ottenuta nei primi 5 assoluti.

9)      Per le partenze con partecipazione fino a 25 atleti sarà conteggiata la sola vittoria assoluta.

 

10)  La permanenza in 1ª Serie ha validità dal momento stesso del passaggio e per tutto l’anno solare successivo. Il ritorno in 2ª Serie è subordinato ai risultati ottenuti nel predetto periodo

 

11)  La Commissione di Consulta Territoriale di 2ª Serie ha il compito di verificare la corretta applicazione del presente regolamento e di intervenire attraverso l’Ente di appartenenza nei casi di valutazione errata.

 

12)  Ogni amatore è responsabile dell’aggiornamento della propria tessera. Alterazioni e/o sostituzioni della tessera saranno puniti con il passaggio immediato in 1ª Serie e il differimento alla Commissione Disciplinare dell’Ente di appartenenza

Un grazie particolare alla dedizione, volontarietà e disponibilità del Sig. Arboletti per la gestione del data base della Seconda Serie

Cogliamo l’occasione per formulare a tutto il circuito ciclistico i migliori auguri di Buona Pasqua unitamente alle famiglie.

All’apertura della seconda serie novarese i portacolori dell’ASD dicono……presenti!!!!

In primo piano

Ottimo avvio della seconda serie  nell’ambito provinciale novarese, gara organizzata dalla cicloamatori Borgomanero valevole come prima prova del Campionato provinciale  ACSI.
Diversi atleti della società hanno partecipato alla manifestazione con buoni risultati.
Nella gara dei Supergentlemen B, Gallazzi Danilo è giunto quarto, buona la piazza di Polettini e Peruccio
Nella gara dei gentlemen Salaorni Danilo alla quinta piazza seguito nell’ottava da Luigi Bessone e buon piazzamento di Comero Paolo alla sua prima stagionale.
Nella gara Junior Senior apertura stagionale per lo Junior Mattia Temporelli e il senior Tinello Fabio con buoni piazzamenti congiuntamente a Rossatti nella categoria Veterani.
Ora la parola passa al Controgiro 2014 con la prima tappa di sabato19 aprile in quel di Baraggia di Suno
 

MANCANO 6 GG. ALL’APERTURA DELLA 12a EDIZIONE DE “IL CONTROGIRO” con il nuovo regolamento della Consulta territoriale sulla Seconda Serie

In primo piano

Controgiro 2014mottIl tempo passa con una velocità inesorabile e quindi eccoci a 3 settimane dall’apertura della ns. stagione ciclistica 2014 con la prima prova de “il Controgiro” che da alcuni anni assevera la sua partenza in quel di Baraggia di Suno presso il locale Circolo DNA.

Il ritrovo fissato dalle ore 12,30 con le prime partenze alle ore 14 così di seguito ripartite con le numerazioni e relativo colore di fondo:

  1. ore 14 Veterani e Gentlemen di 1a Serie (Veterani fondo verde dal 121 al 190  e Gentlemen fondo Bianco dal 141 al 210) 
  2. ore 14,06 Supergentlemen A di 1a e 2a Serie ( Supergentlemen A 1a Serie fondo verde dall’1 al 60 e Supergentlemen A di 2a Serie fondo bianco dall’1 al 70)
  3. ore 14,10 Supergentlemen B di 1a e 2a Serie e Donne (Supergentlemen B di 1a Serie fondo verde dal 61 al 120,  Supergentlemen B di 2a Serie fondo bianco dal 71 al 140, Donne fondo verde dal 311 al 350 )

a seguire dalle 15,50

  1. ore 15,50 Junior e Senior di 1a e 2a Serie (Junior 1a Serie fondo verde con banda rossa dal 191 al 250, Senior 1a Serie fondo verde dal 251 al 310, Junior 2a Serie fondo bianco con banda rossa dal 431 al 490 e Senior 2a Serie fondo bianco dal 491 al 560)
  2. ore 15,55 Veterani 2a Serie (fondo bianco dal 211 al 330)
  3. ore 16,00 Gentlemen 2a Serie (fondo bianco dal 331 al 430)

Al termine di ciascuna delle serie di partenze, nei tempi tecnici previsti dall’elaborazione delle classifiche, si effettueranno immediatamente le premiazioni.

Per la Seconda serie tutti i partecipanti anche con due vittorie potranno proseguire il loro cammino nella Serie di entrata sino al termine del Controgiro, naturalmente se già in possesso di due vittorie,  partecipando a gare fuori dal Controgiro, saranno considerati di 1a Serie.

Vi rialleghiamo il programma e regolamento con la descrittiva delle tappe  e partenze ,  in ogni caso nei prossimi giorni, sarà distribuito il cartaceo della manifestazione.

Nella premiazione finale societaria c’è un errore di copia incolla ma la definizione esatta è: per N° di iscritti complessivi nelle tappe compreso la tappa di punteggio presenza del Mottarone.

Controgiro 2014-1mott

Controgiro 2014mott2

NOVITA’ IN ARRIVO SULLA SECONDA SERIE, MA SENZA ALLARMISMI!!

In primo piano

Il tempo corre con la sua abituale ed inesorabile velocità da massimo rapporto,   due mesi orsono stavamo programmando  la stagione 2014 con la 12a Edizione de “Il Controgiro”,  ed ora eccoci a una settimana dalla sua apertura con le novità sia in termini di manifestazione che nell’ambito della costituenda commissione di Seconda Serie,  la cui attuazione diverrà immediatamente esecutiva a decorrere dalla prossima settimana.

Infatti tutti i responsabili territoriali piemontesi,  si ritroveranno a Torino martedi 15 aprile per la stesura definitiva del Regolamento territoriale della Seconda Serie per gli Enti che la praticano.

Il regolamento riguarderà tutto il territorio piemontese, ma indirettamente coinvolgerà anche i comprensori vicini in quanto gli atleti provenienti dalle vicine provincie lombarde in caso di vittorie o piazzamenti saranno assogettati al criterio adottato dalla circoscrizione territoriale piemontese, per il  prosieguo partecipativo nelle gare svolte dai ns. Enti regionali.

Nessun allarme,  ma un criterio equo di valutazione per l’ appartenenza alla Seconda Serie,  in cui ciascun atleta classificato nelle prime 5 o 6 posizioni in gare di Categorie tutte o di Seconda Serie, sarà inserito nel data base istituito a livello territoriale .

 Questa iniziativa pur limitata a territorialità, crediamo possa essere il testo  per una futura applicazione a carattere Nazionale, auspicata da tutta la platea, affinchè si seguano criteri matematici e non personalistici e si abbiano così ad eliminare , come crediamo,  tutte le remore sul reale criterio di appartenenza.

FINE SETTIMANA ALL’INSEGNA DELLA MULTIDISCIPLINA

In primo piano

Un fine settimana all’insegna delle multidiscipline ciclistiche con diversi atleti impegnati nella gara su strada di Castellazzo:

GATTONI ANGELO – GALLAZZI DANILO – SALAORNI  DANILO - ROSSATTI DAVIDE - TINELLO FABIO – TEMPORELLI MATTIA – POLETTINI MAURIZIO – NICORA GRAZIANO – PERUCCIO ADRIANO – CAVALLARI EZIO
dalle classifiche la superba prestazione di Ezio Cavallari,  alfiere dell’ASD che uscito dalla Seconda Serie approda nella Serie superiore con un ottima seconda piazza nella categoria Gentlemen. A tutti i partecipi anche se il risultato è mancato o siete stati vicini,  un grazie da parte dell’ASD per la partecipazione.
Il ns. motto è diverso dalla strategia di altre società: l’importante per noi è la partecipazione, poi naturalmente ben vengano i risultati.
In allegate alcune foto tratte da Fotoserant di Gimmelli con ns. atleti e l’imperiosa seconda
piazza di Cavallari
Pubblicazione1Pubblicazione2 
Oltre a questa manifestazione il cicloturismo era impegnato a Sillavengo in una manifestazione pro AVIS 118 in cui ben otto atleti partecipi, hanno caratterizzato la settima piazza societaria:  Vecchio Cesare, Fraccaro Antonio, Lai Ulisse, Cantamessa Simonetta, Comero Paolo, Rondi Giorgio, Poletti Sergio e Rapa Orlando ( molti atleti per precedenti impegni assunti sia di famiglia che di lavoro o di arte culinaria, erano assenti ma ci rifaremo subito alla prossima.)
Dall’altro lato della MTB la presenza a Miasino in una Granfondo di MTB, dove Davide Vecchio e Maurizio Taini, hanno dato lustro sia con la poartecipazione che con i piazzamenti: Maurizio 5° nella categoria e Davide 17°,come ribadito ben vengano anche i risultati ma l’importanza per la società è la partecipazione.
A tutti un sincero grazie da parte della società ed un “ad majora!!” 

NELLA SECONDA RIUNIONE PER LA CONSULTA TERRITORIALE DI SECONDA SERIE PUR CON NOTEVOLI PASSI AVANTI, RIAPPARE L’OMBRA DEL CICLISMO PRECLUSO

In primo piano

Martedì 1° Aprile si è riunita nuovamente la rappresentanza degli Enti Regionali piemontesi per la Seconda Serie ed ecco il pesce d’aprile con gli armarcord Udacini che vogliono fare ancora del protagonismo sulla scena ciclistica.

L’Udace è stata la protagonista nel ciclismo amatoriale, ma per mano dei suoi solerti amministratori di vertice si è distrutta, ed ecco apparire ancora qualche residuato bellico che non riesce a distaccarsi morbosamente,  pur avendo ricevuto una diffida nell’intraprendere azioni per ACSI.

Sinceramente a prescindere dallo status della persona, avendo rivestito anche cariche nazionali, la delega di sostituzione sarebbe stata più opportuna verso persona di maggior competenza e di equilibrato indirizzo,  ritrovabile nella stessa provincia novarese.

Abbiamo tanto lottato per annullare la voce “ciclismo precluso” ed ecco riapparire gli armarcord di cotanta limitatezza di pensiero.

E’ comunque parere di tutti che è ora di smetterla con queste limitazioni, la stessa Consulta Nazionale ha dato un segno di inequivocabile interpretazione: Il ciclismo deve essere libero sotto tutti gli aspetti perseguendo anche strade di volontà collaborativa tra gli stessi Enti, cosa che noi abbiamo fatto e che altrettanti in Piemonte stanno facendo utilizzando le maggiori sinergie di ciascuno, sicuramente alla platea questo segnale darà  un maggior senso di partecipazione.

Il Controgiro 2014 è nato sotto il segno di una collaborazione sinergica tra Enti e un’apposito sondaggio sulla platea ciclistica, ha decretato il criterio delle partenze seppure miste in alcuni casi tra le Serie.

La signora Milesi, ha puntato il dito su questa ns. condivisa iniziativa e noi ribadiamo che di norma quando in Udace e tutt’oggi in Acsi, si parla di CATEGORIE TUTTE, oltre i 2/3 di partecipanti sono di Seconda Serie e i rimanenti di Prima che stabilmente occupano  la quasi totalita’ delle prime posizioni di classifica nelle premiazioni.

Nel ns. caso invece,  pur con partenze uniche, le classifiche di Serie sono separate come pure le premiazioni di cui 60 in Prima Serie e 80 di Seconda Serie in cui sono inserite anche  le rappresentanti femminili.

Stiamo facendo di tutto per ridare un segno di equilibrio tra le Serie con la serietà dovuta e non l’abituale clientelismo o trascuratezza nell’adempiere ai doveri dei regolamenti di Seconda Serie, noi tutti Enti rappresentati, vogliamo perseguire questa strada e in questa stagione per ragioni di Calendari già avviati, manterremo validi i regressi criteri anche se con qualche piccola modifica, mentre per il futuro si propenderà ad una soluzione matematica sul data base di singolo atleta.

La volontà comune negli Enti per questa iniziativa piemontese, confidiamo  possa essere seguita anche dalla vicina Lombardia e quanto prima abbia ad assumere un criterio di valenza nazionale 

In seguito Vi alleghiamo il verbale della riunione, già depositato presso la Consulta Nazionale

Verbale riunione per la Consulta Territoriale Seconda Serie

Ora si è raggiunta l’abilitazione dei commenti

In primo piano

Dalla fine di marzo abbiamo ricevuto l’OK di apertura ai commenti sui vari post che andremo ad effettuare, putroppo precedentemente era impossibile dopo il passaggio del blog a Word Press.

Noi siamo per l’apertura totale verso i ns. visitatori e qualsiasi commento positivo o negativo è bene accetto, naturalmente formulato con la “buona educazione”.

La redazione del Blog

Nel fine settimana diversi atleti impegnati a Villata e Sesto Calende

In primo piano

CavallariSalaorniImmagine 013Diversi ns. atleti hanno preso parte nel fine settimana a manifestazioni agonistiche programmate dando lustro ai colori societari. Da segnalare il rientro in societa’ del Gentlemen Salaorni già ns. consociato nei trascorsi anni.

A Villata hanno partecipato: Gattoni, Cavallari, Salaorni, Temporelli mentre a Sesto Calende con la MTB del Master Cross c’era Davide Vecchio ormai assiduo frequentatore della specialità dopo il ritiro dalle gare su strada.

Di seguito alcune foto riguardanti le giornate del fine settimana con un grazie a Gimmelli per il suo continuo lavoro fotografico nelle manifestazioni.

E nella gara di Fontaneto il Gatto…………. conquista posizioni

In primo piano

Pubblicazione2

Ottima terza piazza nella categoria Supergentlemen B di Gattoni Angelo che ancora una volta si conferma bandiera della categoria degli “arzilli vecchietti” nella gara di Fontaneto.

E’ un crescendo graduale che oggi lo ha  portato al podio della categoria, un grazie dell’ASD al suo consociato al quale segnaliamo che per l’ingaggio tutto rimane come prima, ovvero anche sponsor dell’ASD.

Buona anche la prova di Rossatti Davide, Cavallari, Nicora e Polettini presenti alla manifestazione e se mancasse qualcuno della società, chiediamo scusa ma non abbiamo tracce negli iscritti.

 Pubblicazione1

SIGNIFICATIVO E CONCERTATO INCONTRO PER LA NASCITA DI UNA CONSULTA TERRITORIALE PIEMONTESE

In primo piano

Martedì 18 marzo si sono riuniti i rappresentanti regionali del ciclismo amatoriale in una fase di avvio per la concertazione futura di una consulta territoriale.

La reale motivazione dell’incontro era finalizzata alla regolamentazione della Seconda Serie, tanto auspicata dalla base, dove il rapporto di discrezionalità di appartenenza sino ad oggi, era gestito dai responsabili provinciali

L’invito esteso a tutti gli Enti che già hanno o vorrebbero inserire la Seconda Serie, ha portato al tavolo della sede ASC della presidente Elisa Zoggia,  tutte le realta’ regionali interessate alla Seconda Serie ovvero:

Elisa Zoggia e Pietro Negro (asc), Emiliano Borgna e Valerio Zuliani (acsi), Cesare Vecchio e Fraccaro Antonio (Csain), Paolo Martini (Uisp), Dario Gianti, Valter Ninotto e Vittorio Bongiovanni (Libertas).

La riunione in un clima di perfetta intesa tra le parti, ha prodotto una prima fase conoscitiva dei regolamenti di Seconda Serie esistenti e a tutti i singoli componenti è stato dato “compito a casa” di studiare e programmare il regolamento territoriale per la Seconda Serie.

L’avvocato Borgna si è prestato a redarre il verbale di questo primo incontro che dopo la visione della Consulta Nazionale potra’ essere pubblicato, e lui stesso ha auspicato che questa iniziativa nei tempi e modi dovuti possa essere applicata a livello nazionale.

Sinceramente non ci aspettavamo un clima così cordiale tra Enti e conseguentemente nell’imminenza di avvio delle gare di Seconda Serie, adottare quanto prima un’iniziale regolamento che poi nella stagione 2015, diverrà definitivo allineando i sistemi informatici di classifica tra gli Enti, in modo che il travaso delle classifiche, produca con immediatezza e trasparenza la reale posizione di ciascun atleta di Seconda Serie.

Noi con Elisa, abbiamo tanto atteso questa concertazione che si è dimostrata solidale nella partecipazione e discussione tra tutti gli Enti.

Con questa regolamentazione che doverosamente dovrebbe coinvolgere anche le provincie limitrofe lombarde a breve, si porra’ fine alle remore tradizionali delle appartenenze alla serie.

Non sarà mai più la discrezionalità o compiacenza di un Comitato locale a decidere,  ma un organo collegiale riconosciuto e nel 2015 sicuramente le classifiche,  a determinare il passaggio o meno alla Serie superiore.

Il ciclismo libero espresso dalla condivisione tra gli Enti,  sarà la rinascita del Ciclismo amatoriale in tutti i sensi e confidiamo che dalla territorialità si passi alla gestione diretta in Consulta Nazionale anche per queste problematiche.

E’ un notevole passo avanti !!! Sursum corda!!!

 

E domenica 16 a Borgomanero parte il Cicloturismo provinciale

In primo piano

Immagine 012

ANCHE SE CON LE SOLITE PATURNIE CI SIAMO CLASSIFICATI AL 3° POSTO COME SOCIETA’.

Grazie agli amici della CA Borgomanero e mi scuso per aver creato una animata  discussione in un locale che poi visti gli atteggiamenti del solito personaggio, è trascesa un poco ma ripeto al di là del rispetto per il locale , doverosa.

Domenica 16 Marzo si riapre la stagione cicloturistica provinciale all’insegna di un ciclismo condiviso e libero, peraltro già attuato nell’amatorietà su strada.

Infatti tutti gli EPS hanno condiviso la libera partecipazione degli atleti nelle varie manifestazioni, talune società,  come noi,  hanno effettuato l’iscrizione in due Enti per lo spauracchio iniziale di non riconoscimento in ambito Consulta, poi fortunatamente rientrato.

Ora ciò che fa fede nell’identità di società nelle classifiche di giornata, è il codice Nazionale rispondente al CONI e la società deve essere catalogata per la sua reale identità e non per sigla di appartenenza, l’unica posizione che classifica solo l’Ente di appartenenza sono i Campionati interni di Ente e i Nazionali /Regionali a prova unica anche se rimane discrezionale aprire o chiudere la gara .

Inoltre chi vince una gara di un’altro Ente non sarà immediatamente passato dalla seconda alla prima serie,  ma sarà sottoposto al giudizio di una commissione tra Enti che a breve e per l’esattezza il 18 di marzo, si riunirà per la prima volta a far si che la seconda serie abbia ad assumere lo spirito per cui era stata costituita dall’ex Udace ed ora praticata da altri Enti e non subire più i vizi di discrezionalità dei Comitati,  per cui ancora oggi si discute.

Tutti gli atleti di seconda saranno schedati in modo che tale il cammino di stagione  sia sotto la massima trasparenza  e l’analisi di appartenenza alla serie,  sarà fatta da una collegialità territoriale di consulta e non più dal singolo comitato.

A TUTTI GLI ATLETI DELL’ASD: VOGLIAMO UNA PRESENZA MASSICCIA PER DIMOSTRARE CHI SIAMO!!! vorremmo avere una foto con buona parte della società per togliere quella della pagina iniziale del blog che ormai fa parte della storia

E domenica 9 marzo i ns. due MTB Maurizio e Davide a Pratolungo nella prima prova di Master Cross

 
foto di Fausto Buschini.

foto di Fausto Buschini.

e dal fine settimana inizia la vera stagione agonistica su strada, MTB e domenica 16 il cicloturismo

In primo piano

Maggio 1Sperando che le “piovere” di questa anomala stagione abbiano a cessare, da sabato prossimo cominciano gli impegni degli atleti agonisti, domenica la MTB con due ns. portacolori e subito da domenica 16 il cicloturismo.

Invitiamo tutti gli atleti rimasti ancora ibernati, con un inverno in ogni caso mite, a sistemarsi con il tesseramento e ad organizzarsi per il cimento di apertura.

La stagione alle porte sia auspicio di serenità , condivisione per dimostrare che la professione si può sviluppare in qualsiasi momento, manifestazione ed Enti riconosciuti nel segno del libero ciclismo.

A tutti i ns. atleti l’augurio di una proficua stagione in tutte le discipline rivolto anche a tutta la platea ciclistica nazionale.

Tra ca. 45 gg. entrerà in scena la 12a Edizione de “Il Controgiro” con le sue 9 tappe distribuite da Aprile ai primi di Agosto

In allegato il pdf del Cicloturismo:

VOLANTINO GARA ORATORIO 2014 (1)

NEL CICLISMO CONDIVISO ENTRA IN SCENA ANCHE IL CRITERIO DI APPARTENENZA ALLA SECONDA SERIE

In primo piano

Tanto si è discusso nei trascorsi anni sui criteri di appartenenza alla Seconda Serie,  ma l’attribuzione attuativa ad un organo “superpartes” da quando venne istituita da Udace Csain,  non è mai stata affrontata radicalmente  , ed ora  divenuta elemento di interesse in vari Enti, torna di assoluta attualità e discussione

Dopo che la collegialità tra gli Enti ha istituito una Consulta con i criteri di base per la gestione del libero ciclismo, è interessante a livello promozionale territoriale  in un raggio comprensorio di 200-300 Km, avere UN ORGANO SUPERIORE che identifichi la reale appartenenza di un ciclista in Seconda Serie,  onde evitare il solito rumoreggiare degli atleti su taluni personaggi vincenti, che  immancabilmente vengono ritrovati partecipi in questa serie.

Noi pensiamo che  questa potrà essere la risoluzione dell’eterno problema sul criterio di appartenenza alla serie cadetta e auspichiamo che in futuro dopo una primaria esperienza territoriale, possa essere estesa a livello nazionale 

La motivazione è una e unica, ovvero la poca serietà dei Comitati nell’affrontare la problematica sui criteri di appartenenza a questa realtà,  in osservanza a regolamenti molto superficiali e lasciati alla discrezionalità di singolo comitato .

A questo scopo si sta programmando una riunione collegiale per affrontare le problematiche della Seconda Serie in condivisione tra ACSI, CSAIn, ASC, LIBERTAS e UISP

Questi sono gli Enti che sino ad oggi l’hanno adottata e siano i benvenuti altri Enti che l’adotteranno in futuro, infatti con le capacità informatiche di cui si dispone oggi,  è assurdo che tutto venga lasciato ad una valutazione blanda, personalistica  e tante volte oseremmo dire anche clientelare dei singoli Comitati negli Enti di appartenenza

Quali saranno i veri criteri di valutazione e come gestirli  è il tema di questa prossima riunione che in un primo tempo coinvolgerà la Regione Piemonte per poi  estenderla ad un raggio superiore di 200 – 300 Km in cui  è coinvolta anche la vicina Lombardia.

E’ un primo passo per affrontare seriamente la problematica vista la volontà degli Enti citati  nel rispetto dei dettami che la Consulta Nazionale ha approvato o approverà in futuro.

 

LAI e MARAN al giro del Lago Maggiore

In primo piano

I ns. due indomiti atleti si sono cimentati nella giornata di ieri nel giro del Lago Maggiore nonostante la pioggia,  freddo e neve, nella giornata di sabato Gattoni(settimo) Bessone(quarto)  Rossatti(decimo) e Cavallari, hanno partecipato al trittico d’Inverno organizzato a S. Damiano.

 

Un grazie a tutti per questi primi segnali partecipativi 2014 ed ora confidando in un miglioramento delle condizioni metereologiche, tutti pronti per i primi assaggi di stagione.

PER LE VS. USCITE FUORI DAL TRAFFICO VI CONSIGLIAMO QUESTO PERCORSO

In primo piano

La ns. zona gode ancora di una discreta tranquillità col traffico, cosa che da altre parti è diventata insostenibile.

Ora che da Suno verso Conturbia la percorrenza è tutta su asfalto, vi suggeriamo un bel tragitto che si può fare fuori dai rischi dell’eccessivo traffico e con i classici sù e giù che tonificano le gambe e completano la preparazione per la stagione.

Noi ve lo abbiamo tracciato partendo da Oleggio e fare 2 giri di questa percorrenza arrivate a quasi 100 Km. in mezzo alla natura senza respirare gli eccessivi scarichi delle auto.

Naturalmente molti già lo conoscono, noi lo facciamo per informativa a chi si approccia al ciclismo o a chi non lo conosce.Piantina percorso 164

Al momento da Revislate verso Veruno transitando dalla Clinica Maugeri, sono in corso lavori di fognatura e quindi bisogna scendere con attenzione, ma entro aprile sarà tutta riasfaltata

E’ vero al Controgiro 2014 mancava qualcosa…il Mottarone!!!

In primo piano

Con l’inserimento della tappa di Fara Novarese,  al Controgiro era venuta a mancare una delle tappe più caratteristiche ovvero il Mottarone,  la cui sommità  divide la provincia di Novara dal  VCO.

Il fitto calendario prodotto, non lasciava altri spazi se non notevoli sovrapposizioni anche domenicali ed ecco che consultando gli organizzatori del Campionato Europeo della Montagna ovvero l’Avis Stresa  Funtos Bike e Comitato ACSI VCO per la richiesta autorizzativa, siamo arrivati a concludere una sinergia di rapporto condiviso e pertanto la gara dello stesso Campionato che si terrà il 20 luglio a Gignese(VB), diventerà anche prova del Controgiro siglando esclusivamente il punteggio presenza nella misura di 10 punti.

DSC_9650

Lo spirito della caratteristica tappa di montagna , non poteva essere perso in una manifestazione quale il Controgiro che l’ha asseverata per undici anni e che nel 2015 verrà ufficialmente riproposta.

Vogliamo evitare eccessive discriminanti tra passisti e scalatori e quindi per questo anno la ripresentiamo solo come punteggio aggiuntivo di presenza, di conseguenza  potrà essere per tutti stimolo a conservare il punteggio acquisito nelle prime 5 tappe o anche incrementarlo.

.Controgiro 2014mottControgiro 2014mott1Controgiro 2014mott2

Il PDF del Controgiro:        Controgiro 2014mott

Ed ora il Controgiro 2014 ha tutta la sua ufficialità definita e quindi  aspettiamo solo il via del 19 aprile per far parlare la platea  in una sinergica gestione condivisa di due Enti (ACSI e CSAIn) per un libero ciclismo.mottarone

 

 

 

La Live cam del Mottarone in tempo reale

 

 

 

 

 

 

PER UN DISGUIDO SUI COMMENTI DEL BLOG, COMUNICHIAMO SOLO OGGI IL COMMENTO DI CICLOCOLOR

In primo piano

 

<!–

 
 

2013-12-31 ACSI e CSAIN – Il Controgiro 2014 in Provincia di Novara sarà Sinergia di 2 Enti: una perla di saggezza da condividere e imitare.

 
Controgiro-2014-212x300
Fonte: A.S.D. AGRATE CONTURBIA –  http://agrateconturbia.myblog.it/. Grazie!
Ciclocolor si è sempre astenuto da commenti di qualsiasi tipo proprio per cercare di fare informazione nel modo più imparziale possibile. In questo caso intendiamo fare i più SINCERI COMPLIMENTI alla ASD Agrate Conturbia per questa iniziativa sinergica che lancia “un segnale di speranza” finalizzato ad UNIRE il Movimento Ciclistico Amatoriale.  Una iniziativa SAGGIA che, ci auguriamo, venga presa come esempio e condivisa anche da altre ASD e da altri ENTI per il rilancio del Movimento Ciclistico Amatoriale a prescindere dai colori e dalle appartenenze. Crediamo sia di buon auspicio per un armonioso 2014. Vi invitiamo a leggere quanto riportato nell’articolo qui sotto. Grazie ASD Agrate Conturbia. Buon Anno a tutti.

Amministrazione Blog Ciclocolor

CALENDARIO ENTI DEL CIRCONDARIO

In primo piano

In allegato tratto  da Ciclismo Alto Milanese, il calendario Enti del circondario che provvederemo ad aggiornare su eventuali variazioni subentranti o aggiuntive di altre provincie limitrofe, ricordiamo che CAM è al servizio spontaneo e libertino per tutti ed in particolare del libero ciclismo, tutto ciò che ci documentano e forniscono per ns. informazione, è frutto della volontarietà di tanti appassionati ai quali và un caloroso grazie per tutto quello che è stato fatto e faranno in futuro al servizio di un nobile sport quale il ciclismo,  seppure mediaticamente sempre chiaccherato.

 

foto di Matteo Colombo.

Ora con la dichiarazione etica a cui ciascun praticante porrà la sua  autocertificazione di assunzione delle   responsabilità civili e penali,  si spera che l’occhio di riguardo si sposti ad altre attività e lasci  un po’ di tranquillita’ alla disciplina in cui le individualità sono l’elemento dominante, fornendo spazio di approccio alla gioventù che tanto ha necessità di capire cosa vuol dire sacrificio e dove le famiglie non hanno nascosto in passato titubanze e perplessità di avvicinamento,   per l’eccessiva e negativa informazione mediatica.

I dati amatoriali di categorie giovanili che negli anni scorsi pullolavano di nuove leve, ormai passate a categorie superiori,  hanno ora necessità di rinforzo per un ricambio equilibrato nella disciplina.

Purtroppo l’esiguo numero di praticanti ha fatto sì che alcune categorie giovanili sono state accorpate per carenza di iscritti.

Qui di seguito il calendaro di CAM:

Calendario Enti

 

ORA IL CONTROGIRO HA RAGGIUNTO LA SUA UFFICIALITA’, CONDIVISA DAGLI ENTI ACSI E CSAIn

In primo piano

Controgiro 2014Nella giornata di ieri con l’innesto della manifestazione Festeggiamenti Faresi (Fara Novarese), abbiamo sottoscritto l’ufficialità definitiva de “Il Controgiro 2014″.

La manifestazione 2014 si articolerà su otto tappe  a partire dal 19 aprile sino al 2 agosto con percorsi storici e l’aggiunta di altrettanti nuovi che rafforzano ulteriormente il blasone di questa manifestazione.

Dopo il sondaggio delle partenze che hanno prodotto un risultato di soddisfazione nel rapporto con la platea, pur con le difficoltà ancora vigenti di una precaria economia e di conseguenza della poca disponibilità sponsorizzativa, ci apprestiamo a vivere una stagione 2014 ancora con tante perplessità ma con la fiducia di una possibile ripresa.

Noi con il rapporto regresso e gli attestati di stima di questi scorsi anni, abbiamo voluto affrontare questo dodicesimo percorso confidando nella partecipazione e aggrado degli atleti.

A parte la novita’ delle tappe, da quest’anno la premiazione finale verrà effettuata non più nell’ultima tappa ma bensì in una serata denominata “Gran Galà del Controgiro” che si terrà’ presumibilmente in ottobre(data da definire) presso una struttura locale, dove verranno premiati tutti gli atleti classificati e le società maggiormente partecipative accompagnati da un bel rinfresco e il vero Prosecco di Valdobbiadene.Nella serata vorremmo far rivivere ai partecipanti  i momenti esaltanti del Controgiro con una serie di filmati e immagini.

Ora in sintesi evidenziamo le date, mentre le modalità di partenze, ritrovi, premiazioni e quantaltro, le troverete negli allegati in JPEG e PDF.

19 APRILE A BARAGGIA DI SUNO

17 MAGGIO A MOMO

24 MAGGIO A MAGGIATE SUPERIORE DI GATTICO

2 GIUGNO AD ARMENO CON LA CLASSICA IN LINEA

21 GIUGNO AD OLEGGIO

5 LUGLIO A FARA NOVARESE

26 LUGLIO A REVISLATE DI VERUNO

2 AGOSTO  AD AGRATE CONTURBIA

Qualche percorrenza potrebbe subire una variazione rispetto alla presentazione in funzione della capacita’ viaria, sarà ns. cura comunicarvelo per tempo.

Noi ce la metteremo tutta in termini organizzativi e di sicurezza, confidiamo in un positivo responso partecipativo della platea.

Il libero ciclismo un po’ precluso da taluni in questi anni, ha avuto il soppravvento  e la collaborazione sinergica di due Enti segna la fine di divisioni per il bene del ciclismo e degli atleti.

Controgiro 2014def

Controgiro 2014defControgiro 2014-2

.

DATE DI APERTURA SEDE PER I TESSERAMENTI,CONVENZIONE VISITE MEDICHE E SCADENZE

In primo piano

Anche venerdi’ 24 saremo in sede per i tesseramenti, poi a febbraio sempre di venerdì il 7, 21 e 28 . Rammentiamo che la copertura assicurativa 2013 è scaduta e quindi diventa indispensabile rinnovare il tesserino per essere coperti.

Inoltre abbiamo sottoscritto con i Centri Medici di Teorema a Cureggio e De Ruvo a Paruzzaro una convenzione per i tesserati, ciascuno dovrà prenotare personalmente l’appuntamento sulla base della reciproca disponibilità.

Le tariffe stipulate sono le seguenti presentandosi come ASD AGRATE CONTURBIA:

Centro Teorema Euro 44,00  – tel. 0322 836740

Centro De Ruvo  Euro 42,00  – tel.0322 230265

Da quest’anno su una disposizione impartita dalla consulta sportiva, ciascun atleta prima del rilascio del tesserino, dovrà sottoscrivere la DICHIARAZIONE ETICA che sarà conservata direttamente in società.

Segnaliamo anche per Vs. opportuna conoscenza i nominativi con la visita medica  in scadenza a gennaio:

 BRIZIO RENATO, CAVALLARI EZIO, GALLAZZI DANILO, PESCIO SERGIO, RONDI GIORGIO,  SAVOINI ALDO, TEMPORELLI MATTIA, VERCELLONI GABRIELE

ed inoltre a febbraio

CAVALLINI LUCA, COMERO PAOLO, DARGENIO LUIGI, FILIPPUTTI MAURO, NICORA GRAZIANO, OLIVI LIVIO, POLETTINI MAURIZIO, SAVAZZI LUIGI

UNA FORTE PRESA DI POSIZIONE DELLA PRESIDENZA ACSI PER IL CICLISMO LIBERO E CONDIVISO

In primo piano

Nel ns. post relativo al Controgiro 2014 avevamo parlato di condivisione sinergica di due Enti nel proporre la nuova edizione e forse qualche dubbio era sorto da parte di taluni,  che abituati allo strapotere Udace per dimostrare la loro forza, precludevano la partecipazione ai ciclisti di altre sigle.

Come vedete le cose cambiano in maniera radicale e come lo ha sempre fatto CSAIn anche ACSI oggi parla in modo chiaro e forte dopo che talune sigle provinciali hanno ancora i remember regressi di Udace.

Il ciclismo dei praticanti deve essere libero senza alcuna  preclusione partecipativa in tutte le serie laddove esistono,  fatta eccezione o discrezione nei Campionati Nazionali a prova unica.

La chiarezza con cui si enuncia l’articolo e sinonimo di una ferma posizione atta ad eliminare definitivamente le “quinte colonne”

Qui di seguito l’articolo apparso su ACSI Ciclismo:

Per un inizio di stagione positivo e condiviso

    Numerosi calendari provinciali sono stati già predisposti ed inviati per la pubblicazione.

    Il settore ciclismo nel rispetto dei principi e delle direttive dell’Ente invita tutti i Responsabili provinciali,che ancora non hanno provveduto, a predisporre i calendari per l’imminente stagione sportiva ed agonistica tenendo ben presente che “l’imput” fondamentale è’ quello della condivisione di quei valori che vedono il ciclismo quale veicolo aggregatore dei suoi praticanti.

    Con la tessera bisogna poter svolgere tutta l’attività amatoriale a prescindere dall’Ente di appartenenza. E’ questo l’ideale che sta alla base dell’attività condivisa che è’ un valore dello sport.

   Eventuali comportamenti contrari o diversi saranno stigmatizzati dall’ente e non riconosciuti dallo stesso.

 

 

 Personalismi o quinte colonne?

Qualcuno si ostina ancora a inserire il nome Udace nei comunicati ufficiali sotto la denominazione dell’attività ACSI.Non possiamo credere alla tesi della svista. A questo punto dopo tutto quello che è accaduto siamo propensi a pensare alla tesi degli “infiltrati” o quinte colonne che cercano di continuare come hanno fatto sempre a discreditare il nome dell’ACSI a danno della stragrande maggioranza.

Non lo abbiamo permesso allora, non lo permettiamo ora. Quindi coloro che nella zona dell’alto Piemonte non hanno compreso che facciamo sul serio, questa volta lo capiranno poiché le nostre azioni sono determinate.

La scelta che è stata fatta è quella di lavorare per il ciclismo e per l’Ente, non abbiamo posto per i vecchi comportamenti e per dare sfogo a personalismi esasperati.

Abbiamo nemici che non aspettano altro, e la continuità della nostra coerenza ci deve vedere compatti a far rispettare le regole ed a segnalare anomalie, impegnati come siamo a prevenire ma anche a reprimere.

ANCHE LA NS. ASD ENTRA NELL’ALPI CHALLANGE 2014

In primo piano

Logo_Alpi_2014 ultimo

Abbiamo aderito anche noi con   la ns. mediofondo de “Il Gigante di Varallo Pombia” all’ Alpi  Challange, una serie di Medio fondo con punteggi di classifica e presenza distribuita su nove prove tra le provincie di Novara e Biella .

Sotto l’insegna di un libero ciclismo, si consolida una collaborazione SINERGICA tra società che hanno intuito la strada maestra per rilanciare  un cicloturismo che in questi ultimi anni aveva segnato notevoli battute di arresto partecipativo.

In tutte le prove viene inserito un tratto libero con classifiche di giornata e finali secondo le fasce abituali determinate negli scorsi anni anche con la ns. collaborazione.

In allegato il logo con il regolamento e il Calendario delle cicloturistiche delle provincie di Novara, Vercelli, Biella e VCO

reg Alpi Challenge 2014def

Copia di Calendario Cicloturismo NO-VCO-BI-VC 2014

IN UN CONTESTO DI INSICUREZZA, l’amatorietà provinciale stende il Calendario gare 2014

In primo piano

Molti i dubbi sollevati in sede di assemblea Acsi dove ancora vige un pò di armarcord Udace, ma tutto sommato la platea si è resa conto dietro ad una ampia esposizione dei fatti e con correttivi interventi, della reale situazione che coinvolge   Acsi.

Spiace dover constatare la poca informazione filtrata verso le   società e il poco approfondimento richiesto dalle stesse su un problema di marginale importanza alla vigilia dei tesseramenti e affiliazioni .

Analizzati tutti “ i risultati” raggiunti, la platea societaria novarese, ha affrontato le reali conseguenze a cui si potrebbe andare incontro, se da parte degli Enti della Consulta non ci fosse la riammissione di Acsi.

Qualcuno ha addirittura sospinto il cambio definitivo di Ente, ma poi è stato tacciato dai vari interventi sulla risultante del passaggio da Csain in Acsi ,dove  l’ormai “tramontata Udace” con i suoi vertici, ne è l’imputata principale e spiace dover dare questa formale accusa alla libera associazione con cui siamo convissuti per anni e abbiamo cresciuto con tanta dedizione e volontarietà . 

L’arroganza e poca lungimiranza del suo governo, ha portato al dimezzamento delle tessere fuggite per l’incertezza  creata nell’ambito dell’Ente  e parzialmente da promesse di alcuni Enti che nel momento di difficoltà,  ne  hanno approfittato per agguantare tesseramenti, comportamenti da denigrare per scorrettezza deontologica.

Ora nell’ambito del Comitato Acsi di Novara, Filippini ha illustrato la situazione reale e con ogni probabilità il suo Comitato sospeso, sarà commissariato dallo stesso Ente per fare spazio ad una rielezione che a questo punto dovrà essere attuata con gente propositiva e con voglia di fare e non da alcuni abituali “scaldasedie” che pur di avere un nome collocato, non esitano a candidarsi.

Di scaldasedie a livello governativo o meglio parlamentare ne abbiamo tanti e lì percepiscono fior fior di stipendi, qui invece si tratta di volontarietà senza alcun compenso ma con tanta voglia di fare, di proporre, di creare e di sostenere in maniera propositiva  la crescita del Comitato .

Il riportare alla platea lo stato reale di cose e non fantasie o opinioni personalli per sentito, è sicuramente un avvallo alla credibilità .

Noi abbiamo partecipato alla stesura congiunta del calendario con ancora molti dubbi sul percorso da intraprendere, come del resto lo hanno denunciato  altre societa’, confidiamo in una risoluzione di questa conflittualità senza senso per noi comuni mortali, ma attenzione,  quando si capiranno i reali motivi, non si sa quali potranno essere le conseguenze.

A bando questo cappello iniziale per dare atto dell’avvenuta esposizione reale della situazione, sono stati stesi i calendari provvisori dell’amatorietà novarese che congiuntamente si compone di ben 52-53 manifestazioni di cui pochissime in attesa di conferma.

Calendario 2014140Questo è il risultato di una provincia “grande” del ciclismo organizzato che sotto la spinta di volontà organizzativa,  ha dato e darà spazio alla libera partecipazione  degli atleti .

Da parte ns. la dodicesima edizione de “Il Controgiro” che con le sue otto tappe, darà  ancora una volta un notevole aggrado  alle attività amatoriali nel Novarese con percorrenze per tutte le caratteristiche della platea, in un libero ciclismo schivo da preclusioni partecipative e magari anche con attività congiunte sostenute da vari Enti.

Pur considerata la provincia con il maggior numero di gare, occorre accettare con umiltà  nuove proposte senza arroccarsi con arroganza sul risultato raggiunto e condividere sinergie per un’ulteriore crescita nel rispetto delle regole .

Dopo l’analisi del sondaggio che noi abbiamo istituito in relazione alle mutate differenze tra le categorie sia in termini di età che di serie, si è definito il sistema di partenze che sarà adottato nel 2014 ovvero:

  1. Supergentlemen A di 1a e 2a Serie
  2. Supergentlemen B di 1a e 2a Serie
  3. Veterani e Gentlemen di 1a Serie
  4. Veterani di 2a Serie
  5. Gentlemen di 2a Serie
  6. Cadetti, Junior e Senior di 1a e 2a Serie (con ogni probalità le due categorie, sarranno riunite definitivamente in relazione all’esiguo numero di praticanti)

Queste saranno le nostre sei partenze nell’ambito di sei gare del Controgiro nelle restanti due di Armeno alcune categorie potrebbero essere riunite .

Di seguito la bozza di Calendario che potrebbe subire qualche modifica di cui Vi daremo immediatamente segnalazione:

Calendario Amatoriale Novara

Pubblicato in NEWS

BUON NATALE E BUON ANNO A TUTTA LA PLATEA CICLISTICA

In primo piano

Carissimi tutti,

Il Natale sancisce nel giro di pochi giorni la chiusura di un travagliato 2013 per tutta la platea ciclistica amatoriale italiana.

Infatti  il 2013,   non si potrà ARCHIVIARE come dei migliori per le aspettative di noi tutti, confidavamo in una ridefinizione degli assetti senza grossi traumi  per un ciclismo libero nella sua pratica, schivo dall’arroganza del potere e senza preclusioni di sorta nella partecipazione.

Purtroppo siamo ancora nel dubbio di come si potrà aprire il 2014 e quali risvolti negativi ci potrà riservare il non allineamento in ambito Consulta di ACSI Ciclismo.

Viene naturale e spontanea una riflessione quando parlo di arroganza preconcettuale dei vertici dell’ormai tramontata UDACE, ma perchè avete trascinato il gioiello del ciclismo amatoriale in questo baratro???

Le motivazioni più disparate di contrasto con CSAIn che, secondo taluni era di voler annientare il gioiello costituito dell’amatorieta’, altri la non erogazione di fondi elargiti dalla casa madre degli EPS ovvero il Coni, si dimostrano oggi non realistiche in quanto la sigla numero uno dell’amatorietà è sparita dalle testate che primeggiavano per la disciplina.

Addirittura il settimanale “Udace Il Ciclismo” ha cambiato la sua testata con Amatori Ciclismo e, se analizziamo tutta la vicenda alla luce dei risultati di oggi, possiamo dire che con qualche aggiustamento di identita’ e tanta umiltà, si poteva restare uniti nell’Ente che per anni ha supportato verso il CONI, la stragrande maggioranza dell’amatorietà del ciclismo italiano.

Con queste incertezze oggi i 60000 tesserati che si vantavano , sono scesi a 30/35000 nell’allineamento dell’Ente  prescelto per la sopravvivenza di Udace e alla luce della realtà odierna, molti potrebbero essere ulteriormente dispersi.

Gli avvoltoi di varie sigle si sono precipitati con allettanti slogan pur di acquisire ulteriori tesseramenti, dribblando anche la deontologia comportamentale.

Ora chiudiamo questo anno confidando in una presa d’atto dei vertici che governano l’amatorietà, perchè le società, gli organizzatori di manifestazioni che sono la facciata migliore di ogni Ente, hanno bisogno di tranquillità e di certezze nel programmare la loro attività;  quali pagine negative presentiamo alle realtà che ci sostengono economicamente già parzialmente schifate dalla realtà del doping!!!

A tutti voi e alle vostre famiglie giunga il più sincero augurio di Buon Natale e di un 2014 pieno di soddisfazioni individuali e collettive.

IL LIBERO CICLISMO